sabato 7 maggio 2011

Cura del viso in 10 semplici step


Come vi ho detto in precedenza, prima di iniziare un trattamento estetico è bene essere a conoscenza della tipologia di pelle che si ha e di che prodotti quindi applicare in conformità a quest’ultima. 
Curarlo, poi, non è cosa facile; magari molte di noi non conoscono un giusto "modo"da seguire , una lista di cose da fare per prendersi cura del proprio viso correttamente, della propria pelle, al meglio, dunque ho deciso di stilare degli step in cui spiegare anche la terminologia che tanto sentiamo ( come gommage, ecc..) e cosa fare per curare il proprio viso.




Dunque la pulizia del viso è un trattamento estetico base che serve sostanzialmente ad eliminare dall’epidermide (strato più superficiale della nostra pelle) le impurità, i punti neri (o comedoni) e le cellule morte.
Vediamo ora insieme dei semplici passaggi per pulire in profondità la nostra cute.
Innanzitutto prepariamo una bacinella contente acqua tiepida che ci servirà diverse volte.

1) DETERSIONE – primo passaggio fondamentale, pulite bene il vostro viso con un prodotto idoneo al vostro tipo di pelle che può essere un latte detergente per chi ha bisogno di molta idratazione o un detergente schiumogeno per chi invece ha una pelle grassa o impura. Per l’applicazione di questi prodotti, sarebbe meglio evitare l’uso delle mani onde evitare di rilasciare microbi e batteri, in commercio vi sono degli appositi panni in microfibra o dei semplici dischetti o batuffoli in cotone.
Successivamente prendete un altro batuffolo/dischetto di cotone PULITO, immergetelo nella bacinella d’acqua tiepida che avete già preparato, strizzatelo e andate a rimuovere dal viso il latte detergente in eccesso, ovvero quello che non è stato assorbito dalla vostra pelle.

2) TONIFICAZIONE – applicazione di una lozione tonica (possibilmente NON ALCOLICA) . Prendiamo ancora una volta un dischetto/batuffolo di cotone pulito e picchiettiamo il nostro prodotto sul viso; Il tonico serve sia a completare la pulizia e sia a riequilibrare il ph della nostra pelle e riattivarne la microcircolazione.
3) PEELING O GOMMAGE – Dopo aver pulito bene la pelle, applichiamo un PEELING, un prodotto contenente dei microgranuli che servono ad esfoliare la pelle (trattamento decisamente aggressivo). 
Per chi invece ha una tipologia di pelle secca e sensibile è consigliabile sostituire quest’ultimo con un GOMMAGE, molto più delicato e adatto appunto a questo tipo di cute.
Procedete distribuendo il prodotto sul viso facendo dei movimenti circolari con le mani ed esercitando una certa pressione; le zone che richiedono maggiore insistenza sono sicuramente il naso (dove entrano maggiori impurità nei pori) e la zona t (la parte del viso quasi sempre più grassa).
Fate attenzione, però, a non finire nel contorno occhi poiché in quelle zone la pelle è molto più sottile e delicata.
Infine quando il peeling/ gommage è abbastanza asciutto, come avete fatto per il latte detergente, prendete un dischetto di cotone pulito, bagnatelo nella bacinella di acqua tiepida, strizzatelo e andate ad eliminare il prodotto in eccesso.

4) VAPORE – a questo punto, dopo aver pulito ed esfoliato la vostra pelle, potete preparare il vapore; mettete una pentola d’acqua sul fuoco e aspettate che inizi a bollire, dopo di che avvicinate il vostro viso al calore e coprite la testa con un asciugamano , rimanete in posa per circa 15 minuti.
E' ben risaputo che  i suffumigi sono dei metodi per fare in modo che i pori della pelle si dilatino e facilitino la fuoriuscita dei comedoni e delle impurità.
Ovviamente questo è un rimedio fatto in casa, le estetiste in genere sono dotate di moderne apparecchiature , ovvero generatori di vapore arricchiti di ossigeno.

5) SPREMITURA DEI COMEDONI – Prima di parlarvi di questo trattamento, credo sia giusto sottolineare che la maggior parte dei dermatologi sono contrari alla spremitura dei punti neri, a meno che non sia fatta da una professionista. Detto questo, vediamo come poterla fare cercando di non causare alcun danno.
Innanzitutto, munitevi di due veline di carta, avvolgetele intorno al dito indice e incominciate a strizzare SOLO i punti neri più evidenti, evitando quindi quelli più piccolini e quasi invisibili poiché rischiereste di rompere i capillari del vostro viso.
Per far si che il comedone fuoriesca dovete esercitare un certo pompaggio verso di esso sempre e solo con i POLPASTRELLI delle dita e MAI con le unghie.
Per quanto riguarda i brufoli già in rilievo sarebbe decisamente meglio NON SCHIACCIARLI.

6) RIAPPLICAZIONE DEL TONICO – Dopo aver pulito bene la vostra pelle, riapplicate il vostro tonico in modo da essere sicure di aver eliminato qualsiasi traccia di comedone.
7) MASCHERA – Ora prendete la vostra maschera, fate attenzione che sia idonea al vostro tipo di pelle e lasciatela in posa per circa 10-15 minuti. Potete creare anche in casa delle maschere del tutto naturali ( CLICCA NELLE " ETICHETTE" LE SEZIONI INERENTI A MASCHERE VISO, MASCHERE NATURALI, FAI-DA-TE ). In genere sono molto comuni le maschere all’argilla che svolgono un’azione purificante.
8) TONICO – Infine riprendete il vostro tonico e ripassatelo nuovamente sul viso per riequilibrare il ph della vostra pelle (come sicuramente avrete notato il tonico va usato più volte).
9) CREMA IDRATANTE – Prendete la vostra crema idratante e applicatela su tutto il viso con movimenti circolatori evitando il contorno occhi, fate molto attenzione agli ingredienti presenti nella formulazione del vostro prodotto e mirate sempre la vostra scelta verso prodotti naturali e conformi al vostro tipo di pelle.
10) CREMA CONTORNO OCCHI – Infine, applicate la vostra crema contorni occhi, come vi ho detto prima questa zona è molto delicata e, quindi, necessita di prodotti specifici e meno aggressivi.


0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commentino! :)
Baci Baci ♥

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...